Friuli e Triveneto tra i più addicted all’aquisto online




Cronaca, Friuli Venezia Giulia | Davide Nonino | 24 giugno 2011 alle 10:05

Friuli Venezia Giulia e in generale il Triveneto più propensi a fare acquisti online e ad utilizzare il web anche per la propria spesa? Questi i dati emersi dall’E-Commerce Consumer Behaviour Report, l’analisi del comportamento dei consumatori, che evidenziano come in Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige lo scontrino medio online è più alto rispetto a quello dichiarato dai rispondenti delle altre regioni e che anche la spesa media annua online, in particolare per alcuni settori, è tra le più alte.
Tra i settori in cui il primato è più evidente, wellness e vacanze.
In Veneto, in particolare, chi ha partecipato all’indagine dichiara di spendere in media all’anno per acquisti online legati al benessere 212 euro (la media nazionale si attesta sui 172 euro), ma tra i rispondenti over 50 l’importo sale a 238 euro – un dato interessante che smentisce le convinzioni sulla minor confidenza degli adulti con la rete.

I dati vengono dagli oltre 30 operatori del settore e-commerce e 62.000 utenti Internet, navigatori e acquirenti che quest’anno hanno partecipato all’indagine sui comportamenti d’acquisto online nata dalla collaborazione tra Netcomm – Consorzio del Commercio Elettronico Italiano e Contactlab, azienda specializzata in soluzioni e consulenza di digital direct marketing, che presentata il 14 giugno al VEGA Parco Scientifico Tecnologico di Venezia, con un focus speciale sul Triveneto.

“I dati emersi dall’analisi del sistema Triveneto confermano l’importanza strategica di questa regione, che storicamente ha un solido patrimonio industriale e imprenditoriale e che potrebbe trovare nell’e-commerce un ulteriore driver di crescita. Da qui la scelta di presentare sulla piazza di Venezia i dati della seconda edizione dell’E-Commerce Consumer Behaviour Report – commenta Roberto Liscia, Presidente di Netcomm, il Consorzio del Commercio Elettronico italiano. L’indagine, realizzata sottoponendo un questionario via web a clienti e prospect di oltre 30 tra i più rappresentativi siti di e-commerce in Italia – prosegue Liscia – mostra una popolazione per cui comprare online è diventata una vera e propria abitudine di consumo. Osserviamo a livello nazionale una diffusione sempre maggiore dell’acquisto online: rispetto al 2010, i consumatori comprano più spesso (47%), spendono di più (48%) e diversificano maggiormente i propri acquisti (45%).”

Interessanti anche i trend e i focus sulle abitudini di acquisto degli utenti. L’acquisto serale e notturno – dunque al di fuori degli orari di apertura dei negozi offline – è un’abitudine del 48% dei rispondenti su base nazionale. Un dato interessante per i commercianti, che devono cominciare a pensare a un approccio multicanale alle vendite se non vogliono perdere una cospicua fetta di clienti. In generale comunque poter acquistare ovunque ci si trovi e indifferentemente in vari momenti della giornata (41%) cattura una buona porzione dei rispondenti.
Gli abitanti del Triveneto non smentiscono abitudini e preferenze nazionali: in particolare emerge che gli utenti che comprano di notte (5% degli acquirenti, con un picco del 6,8% in Trentino Alto-Adige) dichiarano di acquistare online più frequentemente e di spendere di più rispetto a chi acquista in altri momenti della giornata.
Lo stesso profilo di heavy e-buyer contraddistingue chi dichiara di acquistare tramite device mobili: si tratta del 3,2% di rispondenti nel Triveneto; il Veneto alza la media con quasi il 4% degli intervistati che utilizzano il proprio smartphone o tablet per effettuare acquisti online.

Nel Triveneto solo l’11,7% dei rispondenti che acquistano online sceglie di pagare alla consegna o di prenotare via web ma di pagare poi in negozio. Particolarmente alta, invece, la percentuale di chi paga con carta di credito, tradizionale o prepagata: quasi il 60% degli acquirenti sceglie infatti questo metodo di pagamento, mentre il bonifico online viene utilizzato dal 7%.
Tra le donne del Triveneto il metodo di pagamento più utilizzato è la carta di credito prepagata, scelta dal 41%, ma abbastanza diffuso anche PayPal usato dal 20% di loro.
Interessante notare che tra gli acquirenti che completano il pagamento online, il 28% ha più di 50 anni.

Smentito anche un luogo comune sulle fasce d’età, che solitamente vedono il web associato unicamente ai giovani. Sia a livello nazionale che regionale si nota una buona rappresentanza delle fasce più mature della popolazione: il 30% di chi dichiara di acquistare online ha più di 50 anni.
Nel Veneto in particolare al crescere dell’età cresce il valore dello scontrino medio e i rispondenti over 50 arrivano a spendere, solo per soggiorni e vacanze acquistate online, ogni anno in media quasi 1.000 euro.
In linea con tutto il Nord Italia, inoltre, anche nel Triveneto la sicurezza non è tra i primi fattori in grado di determinare una maggiore propensione all’acquisto online.

Per chi volesse approfondire la ricerca il report completo con tutti i risultati dell’indagine è disponibile per il download gratuito all’indirizzo http://www.contactlab.com/ecommercereport


Ti è piaciuto questo articolo? CONDIVIDILO!


Friuli Venezia Giulia su Facebook: ti piace? Sottoscrivi il nostro feed RSS

Citycool su Facebook





Articolo scritto da Davide Nonino

Davide Nonino Davide Nonino web writer e scrittore, per lavoro si occupa di web marketing, per passione tiene laboratori di scrittura creativa per bimbi e ragazzi.
Sito: http://www.paroleappiccicate.it


Lascia un commento